Stabilizzazione terreni

A CALCE

A partire dagli anni ‘90 l’Azienda si specializza nella stabilizzazione dei terreni, scommettendo su una tecnica pionieristica che si rivelerà ideale per la preparazione di lotti destinati all’urbanizzazione: la miscelazione omogenea di terra e calce, in modo da ottenere un composto che abbia caratteristiche soddisfacenti in termini di lavorabilità e resistenza meccanica. Gli effetti sono tanti e positivi: aumento limite di plasticità; diminuzione netta indice di plasticità; diminuzione limite di ritiro; aumento durezza, coesione e resistenza alla penetrazione; aumento resistenza al gelo; diminuzione variazioni di volume da parte del terreno. Questo prodotto si presta a essere utilizzato in una pluralità di situazioni: bonifica dei terreni; realizzazione dei piani di posa; costruzione del corpo dei rilevati; sottofondazioni; sovrastruttura (fondazioni e basi).

A CEMENTO

Al metodo della stabilizzazione a cemento (o riciclaggio a freddo) si ricorre principalmente per risanare pavimentazioni stradali deteriorate: si tratta infatti di un intervento su materiali con granulometria non corretta e con indice di plasticità molto basso. La procedura prevede: indagini a varie profondità per determinare la migliore tipologia di miscela; stesura cemento Portland sulla superficie preesistente; miscelazione di inerti, legante e acqua; miscelazione e compattazione del pacchetto stradale; protezione dello strato finito (con un velo di sabbia umida, o un’emulsione bituminosa); dopo 20h è possibile completare il lavoro con l’esecuzione del nuovo binder e il sovrastante tappeto d'usura.

Misto stabilizzato non legato