Riciclo materiali inerti

L’Azienda crea nel 1998 il Centro di Stoccaggio e Macinazione Inerti (C.S.M.I): con 33.000 mq di estensione e una quantità media giornaliera di rifiuti riciclati che si aggira sulle 1000 t, ricopre un’importante funzione per le attività di stoccaggio e riciclo di materiali misti da demolizione e costruzione.

Quello che si ottiene al termine del ciclo è una materia prima rivelatasi molto valida come materiale da riempimento; nel 2007, inoltre, l’aggregato riciclato non legato Fontanili Giorgio ottiene il marchio CE, poiché risponde ai requisiti della norma UNI EN 13342, conformi alla direttiva 89/106/CEE.

Numerosi sono i vantaggi in termini di eco-sostenibilità: primo fra tutti quello di scoraggiare la creazione di discariche abusive, o in generale l’abbandono incontrollato di rifiuti inerti; in secondo luogo, si evita il ricorso sistematico a cave o letti dei fiumi per ricavare materiale da riempimento (ghiaia, pietrisco).